equipe-zavagnin

Mi sono laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano e in Psicologia presso l’Università di Pavia; sono Counsellor della famiglia e dell’età evolutiva. Ho acquisito esperienza nel campo della prevenzione, della salute e della tutela dei minori  attraverso la direzione di una ONG di Milano. In particolare mi sono occupata di maternità in contesti “estremi:” sono stata- presso l’Ambulatorio dell’infanzia e dell’adolescenza del reparto di Ostetricia e ginecologia dell’Ospedale San Paolo di Milano- referente del progetto “Mamme adolescenti”; ho coordinato, per il Comune di Milano, il progetto  “Mamme in Blu”, rivolto al riconoscimento e al superamento della depressione post-partum; lavoro con le madri detenute presso le case di reclusione di San Vittore e di Milano Bollate dove sto coordinando anche l’apertura della sezione che ospiterà la madri detenute con i loro bambini. mi occupo, per l’ATS di Milano, di valutazione e recupero della genitorialità in contesti di trascuratezza grave e maltrattamento. Partecipo all’attività di un centro antiviolenza di Varese.

Da alcuni anni collaboro come docente universitario esterno presso il Dipartimento di Sanità della SUPSI (Scuola Universitaria della Svizzera Italiana), nei corsi di specializzazione in Pediatria e Scienze infermieristiche, dove sono responsabile del modulo “La gestione di casi complessi: adolescenti che vivono l’esperienza della genitorialità”.

Da sempre amo integrare la visione filosofica dal pensiero  occidentale dai greci in poi con il sapere e la saggezza dell’oriente. Ho una formazione Mindfulness secondo i protocolli MBSR di Jon Kabat-Zinn e sono  istruttore MBLC avendo completato il Teaching Training Program per istruttori presso la Mindfulness Association fondata da Rob Nairn. Sono interessata ai processi di sviluppo dell’intelligenza spirituale e all’approccio terapeutico basato sulla compassione secondo la teoria di Paul Gilbert. Attualmente applico i protocolli Mindfulness in ambito clinico e di prevenzione, con i detenuti presso la Casa Circondariale di San Vittore a Milano e con i pazienti e il personale medico presso il reparto di Oncologia dell’Ospedale Sant’Anna di Como.